Archive for 28/11/2015

la scelta……. _ Chiari di luna – R. Vecchioni

28/11/2015
  

chiari di luna _ R. Vecchioni – caricato da ivalsecchi

C’est un jour de joie que je viens de vivre                                                                               È un giorno di gioia che ho appena vissuto
C’est un jour d’ennui que je vais d’avoir:                                                                                è un giorno di noia che sto per incontrare:
Le premier qui passe comme                                                                                                      il primo che se ne va così                                                                                                   Le dernier qui vient                                                                                                                     come l’ultimo che viene                                                                                                      Sont toujours deux jours que je sais d’aimer.                                                                        sono sempre due giorni che so d’amare.

Nous aurons deux jours: et voilà le vivre                                                                                Noi avremo due giorni: e “voilà le vivre”                                                                         Le premier en avril                                                                                                                       Il primo in aprile                                                                                                                    Le dernier comme en hiver                                                                                                        L’ultimo come in inverno                                                                                                    Parmi le souris d’une femme                                                                                                     Fra i sorrisi di una donna                                                                                                  Qui va et qui vient                                                                                                                          Che parte e che torna                                                                                           Parmi les enfants                                                                                                                           In mezzo a quei bambini                                                                                             Qui sommes nous memes.                                                                                                           Che siamo proprio noi.                                                                                                      J’ai seulment deux jours: et voilà le vivre                                                                                 Io ho solo due giorni: e “voilà le vivre”                                                                        Ce sont deux jours trop courts pour pouvoir chanter                                                             Sono due giorni troppo brevi per poter cantare                                                      Mais je suis un homme et je ne veux rien oublier                                                                   Ma io sono un uomo e non voglio dimenticare niente                                          Ce sont tuojours deux jours que je sais d’aimer                                                                       Sono sempre due giorni che so d’amare.                                                                Nous aurons seulment des reves à vivre                                                                                     Noi avremo soltanto sogni da vivere:                                                                     Le premier c’est l’amour                                                                                                                Il primo è l’amore                                                                                                               Le dernier c’est ton amour                                                                                                            L’ultimo il tuo amore                                                                                                         Mal joui comme un ami                                                                                                                 Goduto male come un amico                                                                                        Qui va et qui vient                                                                                                                           Che   viene e va                                                                                                                    E joui vite                                                                                                                                             E goduto in fretta                                                                                                              Pour n’etre pas nous memes.                                                                                                           Per non essere noi stessi).

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..                                                 

 

……….uhm………….

………….ci sono momenti…………….

………o fasi, come si preferisce……

la vita non è tutta uguale, è a tratti……

l’importante è viverli tutti, indistintamente, al meglio delle possibilità ed immergendovisi totalmente per non perderne uno………….

………ed è importante capire che bisogna amarli tutti, quelli storti e quelli dritti, quelli cattivi e quelli buoni…….

è inutile scegliere di amare solo quelli buoni, si rischia solo di soffrire di più durante quelli che non ci piacciono…………..

così come è importante essere coscienti di ciò che si vive……………

………….di ciò che si VUOLE vivere………….

ieri sera guardavo The Walking dead……………

…..non avrei mai pensato di seguire una serie horror, mi hanno sempre fatto letteralmente schifo gli horror…..

eppure non solo la seguo, mi ci sono proprio appassionata, al punto da desiderare che arrivi il lunedì per vedere la nuova puntata, e durante i lunghi periodi di pausa, nonostante gli sfottò dei miei figli, sistematicamente rivedo tutte le serie da capo, facendo lunghe full immersion….. credo di averle viste tutte almeno cinque/sei volte….. finora ;) ………….

ed ogni volta scopro qualcosa in più….. e mi dà qualcosa di nuovo…..

……….perché quella serie insegna……

…….lo so, può far ridere, questa affermazione, ma per me è così…….

……….insegna che c’è sempre una soluzione e che se proprio non c’è te la puoi inventare…..

……te la DEVI inventare…..

……….certo, qualche volta riesce, qualche altra no, ma l’importante è provarci…….

 

 

oggi ho deciso di rivedere le ultime puntate della nuova serie, e mi ha colpita una frase:

 

… tempo fa non volevo vedere come stavano le cose….. non è che non ci riuscissi….. è che……. che non volevo vederlo……. ma questo è quello che è la vita ora….. dobbiamo vederlo….. dobbiamo combatterlo…… se non combattiamo, moriremo…..

 

……. vero……………

succede di vivere situazioni che non ci appartengono e di far finta che non siano reali…….

 

…….ne siamo coscienti, lo comprendiamo, eppure non vogliamo ammetterlo…..……..

………perché? ovvio, no? perché ammetterlo, riconoscerlo, ci sa di sconfitta…….. ci fa male! ………..

e allora con ostinazione perseveriamo in quella condizione che non ci fa star bene, spesso nella convinzione che sia l’unica possibile per noi e nella speranza che possa prima o poi almeno migliorare…….

……….arriviamo addirittura a credere di non poter sopravvivere senza quella spina nel cuore nonostante non siamo non dico felici, ma almeno sereni……………..

………..e il nostro cuore è pesante………………..

………..i nostri occhi spenti……………….

………….ma continuiamo a insistere e insistere….  

……..e insistere…….

……….e insistere…….  

finché un giorno, grazie ad un “deus ex machina” che molto probabilmente lì per lì vorremmo non intervenisse, decidiamo di collegare gli occhi della mente con quelli del cuore…………….

……… di sentire con la mente e guardare col cuore………………

ed è lì che avviene il cambiamento………

è lì che avviene LA SCELTA! ………

………..nell’attimo preciso in cui decidiamo che è giunto il momento di smettere di cantarcela, di smettere di imbrogliarci……………

………ed è proprio lì, quando decidiamo di guardare e finalmente vediamo, che ci sembra di piombare nel buio più profondo……………

………..e ci sentiamo persi, inghiottiti in un baratro……………

………e con noi tutto quello che pensavamo di aver costruito…..

………tutta la nostra vita……………..

……..tutto quello che eravamo……………

………..o quasi…………….

……….e probabilmente iniziamo a lasciarci andare e ci sentiamo morire ogni giorno di più…………….

……….e il tempo scorre e non ce ne rendiamo conto, semmai decidiamo di smettere di pensare, di smettere di amarci, di smettere di vivere………………. di smettere di ESSERE…….

……….e il giorno segue la notte ma non ci sembra luminoso……………

……..è tutto piatto, è tutto buio…………..

………e probabilmente trascuriamo tutto ciò che amiamo fare, tutte le nostre passioni, fino a farcele diventare indifferenti……………

……..e crediamo che sia finita lì la gioia, la speranza…………..

………la vita……….

……..che tutto sia inutile, che tutto sia finito…………….

…….che NOI siamo inutili……………..

………..che NOI siamo finiti……………

….che noi semplicemente non siamo più……….

………ed è un tempo incommensurabile, ciascuno ha il proprio e DEVE  concederselo……………

qualcuno ci dirà che non va bene………….

qualcun altro che rischiamo di ammalarci………..

ma tutto ciò ci rende indifferenti…….

………..ci passa addosso come una goccia d’olio in un piatto d’acqua……………

che scivola senza mescolarcisi……………

noi abbiamo bisogno di non esserci  che per l’indispensabile…………….

l’amore per il nostro corpo, per la nostra mente, tutto accantonato…………

finché arriva quel giorno e finalmente, all’improvviso e chissà per quale motivo, riusciamo a comprendere che anche quel pezzo di vita che abbiamo odiato, che ci sembra non appartenerci è proprio tutto nostro, e che dobbiamo viverlo, ed amarlo, e forse anche ringraziare non so bene chi che sia venuto, perché se riusciamo ad accoglierlo, a sentirlo nostro, è proprio da quel giorno che ricominceremo ad amarci………….

….e a prenderci cura di noi………

……e saremo davvero noi…………..

……..quello che sentiamo sia giusto essere senza condizioni……………

………senza compromessi nemmeno con noi stessi…………….. .

………………… ……………. ………..

il mio “momento” è durato credo tre anni, forse quattro……. .

……….non lo so bene, ho perso la cognizione del tempo……….

………comunque .tanti……………

……..comunque troppi…………….

troppi lunghissimi anni trascorsi quasi in trance……..

………..finché ho scelto di guardare………

……….finché ho compreso……….

……….. e accolto………..

e nel viso distrutto che mi rimandava lo specchio, in quell’espressione sconosciuta che non sono riuscita a guardare per tutto questo tempo, ho scorto  la mia serenità, quella che avevo raggiunto nonostante tutti i miei tentativi di nascondermi al mondo……………

……A ME……..

e dopo tanti anni vissuti ad arrancare, oggi, quando prendo la borsa ed apro la porta, mi sento viva, dovunque io stia andando……. fosse anche solo a buttare la spazzatura!…….

e felice di vivere, nonostante la mia vita sia stravolta…….

……..nonostante il dolore lancinante, che a tratti ancora mi coglie……..

e riconosco i miei passi………

e riconosco ME………

mi voglio un gran bene!………

ed eccomi qui, di nuovo a scrivere…….

…..di me………

………PER me……..

Share

serenità…..

16/11/2015
  

…..non si può essere felici se non si è sereni, ma si può essere sereni pur non essendo felici:è la condivisione del proprio essere che fa la differenza…… (orlypi)

Share

il buio………

14/11/2015
  

…..è quando si vede tutto chiaro che scende il buio…… (orlypi)

Share