Archive for the ‘Ascoltando Vecchioni’ Category

E NO, PROF, STAVOLTA NON SONO D’ACCORDO!_ La vita che si ama – storie di felicità _Il libraio di Selinunte_ R. Vecchioni

13/08/2016
  

appena è uscito il nuovo libro di Vecchioni, “La vita che si ama – storie di felicità”, mi sono fiondata entusiasta in libreria per prenderlo….  

l’ho preso e l’ho messo nella busta che ho sempre in borsa per poterlo leggere in ogni istante libero di ogni posto possibile come faccio con i libri che so di amare prima ancora di averli aperti anche solo un istante…..

ho iniziato a leggerne le prime due pagine, ho sentito un tonfo al cuore e l’ho chiuso……

si, perché leggendo le prime parole ho iniziato a sentire dolore….

una fitta lancinante e poi la rabbia…..

non ho potuto far altro che rimetterlo nella busta e tenerlo sempre pronto, ma è rimasto lì per mesi e mesi……

mi sono resa conto subito che è un libro straordinario, gioioso, felice, divertente, insomma di quei libri che si leggono tutti d’un fiato, ma IO non potevo inoltrarmici perché……

perché non è importante! mi faceva sentire dolore e rabbia e questo basta……

nel preciso istante in cui ho chiuso il libro ho capito: non era SOLO il suo libro che non potevo leggere……

erano le sue interviste e le sue conferenze  che non potevo più seguire nei video di you tube…..

erano le sue canzoni che non potevo più ascoltare né cantare……

era Vecchioni in tutti i suoi canali espressivi!

non era la mia voce che mancava o le parole che non ricordavo: ogni volta che lo sentivo mi arrabbiavo…..

gli dicevo “mi hai raccontato solo frottole, sono tutte invenzioni, tutte storie, tutte balle…. blablabla…. mi hai mentito, non esiste nulla di ciò che dici e che canti!…. è tutto finto!”

e chiudevo, e andavo oltre…….

però mi mancava, perché era bello quello che diceva, era bello quello che cantava……

e certe volte mi veniva in mente il ritornello del “Libraio di Selinunte”:

mi manchi tu mi mancano le tue parole

Il libraio di Selinunte _ R. Vecchioni – caricato da Poetessadimare …..

e sapevo bene che ero IO che non potevo più aprirgli la porta del mio cuore per non sentire altro dolore….. non era LUI che me ne procurava…..

e così è andata avanti per un lunghissimo tempo, anni di silenzio…. e di vuoto……

nel frattempo ho letto un altro libro, e durante questa lettura, durata volutamente mesi perché volevo metabolizzarne ogni singola parola, mi sono trovata spesso in strade, luoghi, situazioni vissute anni addietro e le ho ri-visitate, ri-valutate, ho fatto spesso visita al mio cuore e al mio istinto ed ho contato i miei errori…..

e si, mi sono perdonata perché non è la vita che ci marcia contro, siamo noi che glielo chiediamo quando anteponiamo il mondo esterno al nostro, quando vogliamo più bene agli altri che a noi stessi……

e si, mi sono molto arrabbiata con me e più mi arrabbiavo con me meno ero arrabbiata col mondo…..

ma solo quando mi sono perdonata ho potuto riascoltare le sue parole…..

e riaprire il libro……

e riaprire il cuore…..

e quindi l’ho fatto e mi sono messa a leggere, foglio e penna alla mano per appuntare quel che più mi piace

ed ora viene il bello: dopo tutta questa attesa, apro il libro, comincio a leggere e…. non condivido!

Prof, non sono d’accordo con la tua affermazione:

La serenità è un’altra storia. E’ un’imitazione scadente, una polvere cerea, un effetto placebo che confina pericolosamente con la noia”.

Ma che dici! Non è sempre così! Dipende da chi e da quando la vive!

Se è una persona che vive nella gioia allora sì, hai perfettamente ragione, perché si accontenterebbe di uno stato ben più “scadente”…..

Ma se chi la vive è una persona che come me viene da un periodo di angoscia allora no, Prof, ti sbagli di grosso!

Durante un corso pre-parto mi chiesero di mimare la nascita di un fiore.

Io mi accovacciai per terra con le mani congiunte sopra la testa a mo’ di preghiera e cominciai pian piano ad alzarmi sentendomi venir fuori dal seme sottoterra. Una volta in piedi, fu istintivo sollevare improvvisamente le mani disgiungendole e con i palmi aperti verso l’alto: in quel preciso istante ebbi la sensazione di essermi liberata dalla terra che mi copriva e mi sentii finalmente libera e “sbocciata”….

Quegli eventi di cui sopra, che è superfluo raccontare ma che hanno sconvolto non tanto la mia vita quotidiana quanto la mia vita interiore, mi hanno fatto vivere un “momento” estremamente difficile che mi ha spinta a rifugiarmi fisicamente dentro casa rintanandomici ventiquattr’ore su ventiquattro, fatte salve le emergenze e rare eccezioni, ed emotivamente ibernando l’anima e la mente: non riuscivo più a camminare né a pedalare, non riuscivo più a pensare né a cantare….. le gambe si gonfiavano, la voce si strozzava….. i fianchi, il ventre, tutto il corpo si allargava…… ero letteralmente paralizzata in uno spazio estremamente stretto e buio e silenzioso……

questo “momento” è durato ben tre anni, forse quattro….. le ore scorrevano e poi i giorni e i mesi e gli anni…. finché un giorno ho ripensato a quel fiore che nasceva ed ho capito che era giunto il momento di farlo sbocciare di nuovo…..

DOVEVO farlo!

e non per i miei figli per i quali c’ero sempre stata malgrado me, non per mia madre che era preoccupata, lo dovevo fare per ME!

DOVEVO ri-volere bene più a me che al resto del mondo…..

con gran fatica, con gran dolore, ho affrontato i mostri che mi impedivano di muovermi…..

all’inizio mi “sentivo” stesa sotto il terreno, ma poi pian piano, con sforzi enormi, ho iniziato a raddrizzarmi e poi a sollevarmi, fino a toccare la superficie……

io volevo proprio uscire, ma non riuscivo a scuotere il terreno che mi ricopriva…..

avevo paura di farlo e rimanevo giù……

sentivo che da sola non ce l’avrei fatta, ma ero decisa a vincere……

nella mia vita ho combattuto diverse volte contro me stessa, e alla fine sono sempre riuscita a vincere…..

non potevo arrendermi…..

ero decisa a vincere io anche questa volta…..

e allora mi sono fermata, ho accettato e accolto  il mio limite con umiltà mista a grande difficoltà, perché io non so chiedere, da sempre non so chiedere niente e a nessuno, e invece ho cominciato a guardarmi intorno nonostante me e mi sono accorta che  c’erano delle mani tese verso di me che aspettavano solo di essere prese…..

qualcuna intenzionale, altre ignare di farlo, ma le ho afferrate tutte, tutte quelle che erano lì e qualcun’altra che sono andata a cercare…..

nel tempo ho dovuto abbandonarne qualcuna, a volte a malincuore, perché mi impediva, sicuramente non di proposito, di andare oltre……

una l’ho tenuta sempre stretta, non l’ho lasciata nemmeno un istante né l’abbandonerò mai, mi accompagna da sempre, da quando è iniziato il mio viaggio nella vita, l’ho trovata già lì, piccola quasi come la mia, l’ho presa quel giorno ed è sempre con me, in barba alla lontananza fisica e del tempo…..

a volte quella mano ha preso la mia per tirarmi, altre volte la mia mano l’ha presa per tirarla, molte volte si sono semplicemente prese per accompagnarsi e camminarla insieme la vita…….

tutto questo aggrapparmi ha risvegliato la forza che credevo perduta, più un’altra che non credevo di avere e mi ha fatto salire e salire e salire sempre di più, finché un giorno, all’improvviso, un senso di pace mi ha invasa, ha penetrato ogni poro della mia pelle, ho visto il sole e sentito palline di terra scivolarmi giù dalla testa:

ERO FUORI!……. ERO NATA!……. ERO LIBERA!…….

ho provato un senso di pace che non posso descrivere per  non depauperarlo e mentre lo vivevo mi sono detta esattamente queste parole “sono serena”…….

e ne ero felice…….

ecco, Prof, questa serenità qui, questa pace qui, non può essere un’imitazione scadente della felicità, ma val bene la gioia infinita di guardarmi allo specchio e riconoscere il sorriso dello sguardo che mi rimandano i miei occhi, sorriso che avevo perduto ed ho finalmente ritrovato, sorriso che mi era stato rubato da quegli eventi che non val manco la pena dire e che meno male che sono accaduti perché adesso ho ME!

e ti garantisco, Prof, ogni volta che penso “sono serena” provo una gran gioia!

chissà, forse perché so che questa serenità è il preludio della mia felicità!

Share

la scelta……. _ Chiari di luna – R. Vecchioni

28/11/2015
  

chiari di luna _ R. Vecchioni – caricato da ivalsecchi

C’est un jour de joie que je viens de vivre                                                                               È un giorno di gioia che ho appena vissuto
C’est un jour d’ennui que je vais d’avoir:                                                                                è un giorno di noia che sto per incontrare:
Le premier qui passe comme                                                                                                      il primo che se ne va così                                                                                                   Le dernier qui vient                                                                                                                     come l’ultimo che viene                                                                                                      Sont toujours deux jours que je sais d’aimer.                                                                        sono sempre due giorni che so d’amare.

Nous aurons deux jours: et voilà le vivre                                                                                Noi avremo due giorni: e “voilà le vivre”                                                                         Le premier en avril                                                                                                                       Il primo in aprile                                                                                                                    Le dernier comme en hiver                                                                                                        L’ultimo come in inverno                                                                                                    Parmi le souris d’une femme                                                                                                     Fra i sorrisi di una donna                                                                                                  Qui va et qui vient                                                                                                                          Che parte e che torna                                                                                           Parmi les enfants                                                                                                                           In mezzo a quei bambini                                                                                             Qui sommes nous memes.                                                                                                           Che siamo proprio noi.                                                                                                      J’ai seulment deux jours: et voilà le vivre                                                                                 Io ho solo due giorni: e “voilà le vivre”                                                                        Ce sont deux jours trop courts pour pouvoir chanter                                                             Sono due giorni troppo brevi per poter cantare                                                      Mais je suis un homme et je ne veux rien oublier                                                                   Ma io sono un uomo e non voglio dimenticare niente                                          Ce sont tuojours deux jours que je sais d’aimer                                                                       Sono sempre due giorni che so d’amare.                                                                Nous aurons seulment des reves à vivre                                                                                     Noi avremo soltanto sogni da vivere:                                                                     Le premier c’est l’amour                                                                                                                Il primo è l’amore                                                                                                               Le dernier c’est ton amour                                                                                                            L’ultimo il tuo amore                                                                                                         Mal joui comme un ami                                                                                                                 Goduto male come un amico                                                                                        Qui va et qui vient                                                                                                                           Che   viene e va                                                                                                                    E joui vite                                                                                                                                             E goduto in fretta                                                                                                              Pour n’etre pas nous memes.                                                                                                           Per non essere noi stessi).

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..                                                 

 

……….uhm………….

………….ci sono momenti…………….

………o fasi, come si preferisce……

la vita non è tutta uguale, è a tratti……

l’importante è viverli tutti, indistintamente, al meglio delle possibilità ed immergendovisi totalmente per non perderne uno………….

………ed è importante capire che bisogna amarli tutti, quelli storti e quelli dritti, quelli cattivi e quelli buoni…….

è inutile scegliere di amare solo quelli buoni, si rischia solo di soffrire di più durante quelli che non ci piacciono…………..

così come è importante essere coscienti di ciò che si vive……………

………….di ciò che si VUOLE vivere………….

ieri sera guardavo The Walking dead……………

…..non avrei mai pensato di seguire una serie horror, mi hanno sempre fatto letteralmente schifo gli horror…..

eppure non solo la seguo, mi ci sono proprio appassionata, al punto da desiderare che arrivi il lunedì per vedere la nuova puntata, e durante i lunghi periodi di pausa, nonostante gli sfottò dei miei figli, sistematicamente rivedo tutte le serie da capo, facendo lunghe full immersion….. credo di averle viste tutte almeno cinque/sei volte….. finora ;) ………….

ed ogni volta scopro qualcosa in più….. e mi dà qualcosa di nuovo…..

……….perché quella serie insegna……

…….lo so, può far ridere, questa affermazione, ma per me è così…….

……….insegna che c’è sempre una soluzione e che se proprio non c’è te la puoi inventare…..

……te la DEVI inventare…..

……….certo, qualche volta riesce, qualche altra no, ma l’importante è provarci…….

 

 

oggi ho deciso di rivedere le ultime puntate della nuova serie, e mi ha colpita una frase:

 

… tempo fa non volevo vedere come stavano le cose….. non è che non ci riuscissi….. è che……. che non volevo vederlo……. ma questo è quello che è la vita ora….. dobbiamo vederlo….. dobbiamo combatterlo…… se non combattiamo, moriremo…..

 

……. vero……………

succede di vivere situazioni che non ci appartengono e di far finta che non siano reali…….

 

…….ne siamo coscienti, lo comprendiamo, eppure non vogliamo ammetterlo…..……..

………perché? ovvio, no? perché ammetterlo, riconoscerlo, ci sa di sconfitta…….. ci fa male! ………..

e allora con ostinazione perseveriamo in quella condizione che non ci fa star bene, spesso nella convinzione che sia l’unica possibile per noi e nella speranza che possa prima o poi almeno migliorare…….

……….arriviamo addirittura a credere di non poter sopravvivere senza quella spina nel cuore nonostante non siamo non dico felici, ma almeno sereni……………..

………..e il nostro cuore è pesante………………..

………..i nostri occhi spenti……………….

………….ma continuiamo a insistere e insistere….  

……..e insistere…….

……….e insistere…….  

finché un giorno, grazie ad un “deus ex machina” che molto probabilmente lì per lì vorremmo non intervenisse, decidiamo di collegare gli occhi della mente con quelli del cuore…………….

……… di sentire con la mente e guardare col cuore………………

ed è lì che avviene il cambiamento………

è lì che avviene LA SCELTA! ………

………..nell’attimo preciso in cui decidiamo che è giunto il momento di smettere di cantarcela, di smettere di imbrogliarci……………

………ed è proprio lì, quando decidiamo di guardare e finalmente vediamo, che ci sembra di piombare nel buio più profondo……………

………..e ci sentiamo persi, inghiottiti in un baratro……………

………e con noi tutto quello che pensavamo di aver costruito…..

………tutta la nostra vita……………..

……..tutto quello che eravamo……………

………..o quasi…………….

……….e probabilmente iniziamo a lasciarci andare e ci sentiamo morire ogni giorno di più…………….

……….e il tempo scorre e non ce ne rendiamo conto, semmai decidiamo di smettere di pensare, di smettere di amarci, di smettere di vivere………………. di smettere di ESSERE…….

……….e il giorno segue la notte ma non ci sembra luminoso……………

……..è tutto piatto, è tutto buio…………..

………e probabilmente trascuriamo tutto ciò che amiamo fare, tutte le nostre passioni, fino a farcele diventare indifferenti……………

……..e crediamo che sia finita lì la gioia, la speranza…………..

………la vita……….

……..che tutto sia inutile, che tutto sia finito…………….

…….che NOI siamo inutili……………..

………..che NOI siamo finiti……………

….che noi semplicemente non siamo più……….

………ed è un tempo incommensurabile, ciascuno ha il proprio e DEVE  concederselo……………

qualcuno ci dirà che non va bene………….

qualcun altro che rischiamo di ammalarci………..

ma tutto ciò ci rende indifferenti…….

………..ci passa addosso come una goccia d’olio in un piatto d’acqua……………

che scivola senza mescolarcisi……………

noi abbiamo bisogno di non esserci  che per l’indispensabile…………….

l’amore per il nostro corpo, per la nostra mente, tutto accantonato…………

finché arriva quel giorno e finalmente, all’improvviso e chissà per quale motivo, riusciamo a comprendere che anche quel pezzo di vita che abbiamo odiato, che ci sembra non appartenerci è proprio tutto nostro, e che dobbiamo viverlo, ed amarlo, e forse anche ringraziare non so bene chi che sia venuto, perché se riusciamo ad accoglierlo, a sentirlo nostro, è proprio da quel giorno che ricominceremo ad amarci………….

….e a prenderci cura di noi………

……e saremo davvero noi…………..

……..quello che sentiamo sia giusto essere senza condizioni……………

………senza compromessi nemmeno con noi stessi…………….. .

………………… ……………. ………..

il mio “momento” è durato credo tre anni, forse quattro……. .

……….non lo so bene, ho perso la cognizione del tempo……….

………comunque .tanti……………

……..comunque troppi…………….

troppi lunghissimi anni trascorsi quasi in trance……..

………..finché ho scelto di guardare………

……….finché ho compreso……….

……….. e accolto………..

e nel viso distrutto che mi rimandava lo specchio, in quell’espressione sconosciuta che non sono riuscita a guardare per tutto questo tempo, ho scorto  la mia serenità, quella che avevo raggiunto nonostante tutti i miei tentativi di nascondermi al mondo……………

……A ME……..

e dopo tanti anni vissuti ad arrancare, oggi, quando prendo la borsa ed apro la porta, mi sento viva, dovunque io stia andando……. fosse anche solo a buttare la spazzatura!…….

e felice di vivere, nonostante la mia vita sia stravolta…….

……..nonostante il dolore lancinante, che a tratti ancora mi coglie……..

e riconosco i miei passi………

e riconosco ME………

mi voglio un gran bene!………

ed eccomi qui, di nuovo a scrivere…….

…..di me………

………PER me……..

Share

Le canzoni cucite addosso………

07/08/2015
  

………le canzoni, quelle belle, quelle che dicono qualcosa, quando te le senti cucite addosso diventano più belle e non te ne puoi staccare….

…diventano parte di te…..

…….ti raccontano un pezzo di te ogni volta che le riascolti ed ogni volta ti restituiscono quell’emozione vissuta esattamente come quando l’hai vissuta……

……e le ami, le ami, le ami……..

……..poi succede di scoprire che non erano affatto cucite per te, anzi ti stanno larghe…..

……o strette…..

………e capisci non che non ti appartengono più, che forse non erano mai state per te e che te l’eri cantata alla grande…….

…..lo specchio imbrogliava……

……o tu guardavi male…….

…….fatto sta che ti stanno improvvisamente scomode, e poiché non puoi comunque non riconoscere la loro intensità, la loro bellezza, cominci ad allontanartene perché proprio non puoi ascoltarle, perché le emozioni che ti regalano sono un misto di dolore e rabbia, e ti senti una stupida ad aver creduto che fossero TE e le ascolti con cinico distacco…….

…..ma poi passa, eh…….

…..poi passa perché se una canzone è intensa lo è a prescindere dalla distanza tra la sua e la tua taglia……..

……e cominci a riascoltarle e non puoi negarne la bellezza……..

……anche se prima, prima che ti svegliassi, quando credevi che fossero le TUE, allora avevano tutto un altro sapore…….

Share

Il mercante di luce _ R. Vecchioni – Ho conosciuto il dolore_ R. Vecchioni

15/11/2014
  

non sono più nella pelle…..

qualche giorno e il “mio” Prof preferito, R. Vecchioni, sarà a Napoli per presentare il suo ultimo libro, Il mercante di stelle…….

ormai sono anni che partecipo a questi eventi: quasi seguendo uno schema rituale arrivo lì, acquisto il libro o il cd di turno e poi, dopo aver avuto il piacere di ascoltare il Prof, mi metto religiosamente in fila ed attendo il momento in cui posso ringraziarlo di tutte le sue parole…..

ricordo di una volta in cui, reduce dalla lettura di “Le parole non le portano le cicogne”, mentre mi autografava il cd che aveva appena presentato, gli chiesi quanto avrei dovuto aspettare per……. il prossimo lavoro!: lui mi   guardò sorpreso e mi rispose “ma è questo!!!” …… :D ….. bè, io in verità pensavo ad un libro, fu la mia risposta…… ;)

se ascoltare Vecchioni che canta è fantastico, leggerlo va molto oltre! quasi come assistere ad un suo intervento……

in verità, non ho mai letto/ascoltato nulla di suo prima di sentirne la presentazione, ma stavolta ho deciso che sarebbe stato interessante andare “preparata”, per cui qualche giorno fa ho deciso di acquistare il libro e leggerlo prima dell’incontro ……

detto/fatto,  sono uscita dalla libreria con il mio “tesoro” in mano pregustando il momento in cui l’avrei aperto, ma via via che mi avvicinavo a casa l’entusiasmo calava sempre di più: sapevo a grosse linee che uno dei protagonisti era un ragazzo di 16/17 anni gravemente malato….. una malattia di quelle che non perdonano e chissà, forse perché ho due figli suoi coetanei, forse perché conosco la potenza espressiva del Prof, l’idea di trovarmi coinvolta in un dolore così forte pesava più della voglia di abbandonarmi alle emozioni, anzi a dire il vero mi spaventava quasi,  per cui, arrivata a casa, ho messo il libro sul tavolo e l’ho lasciato lì quasi per una settimana, limitandomi a leggere solo un paio di pagine, quel paio di pagine sufficienti a farmi trovare di fronte ad uno specchio ……

quel paio di pagine che mi hanno fatto scrivere una lettera (che probabilmente non verrà mai spedita…)

 

“la prima pagina che ho scritto per il blog, più di un anno fa, era una lettera …….

una lettera in cui chiedevo di avere una risposta, LA risposta, da un punto di vista  maschile…….

si, perché noi donne, su certi argomenti, per quanto possiamo essere dierse, bene o male concordiamo, e a me serviva un punto di vista potenzialmente diverso per capire…..

quella lettera era indirizzata ad una precisa persona, ma non l’ho mai inviata…..

non so perché, forse pe evitare di darle fastidio…… di crearle imbarazzanti “problemi”….. per evitare di infilarlo in una “ingombrante” condivisione…… tra l’altro imposta e non cercata!

quella lettera è diventata un post, l’ho messa lì con la speranza che qualcuno di passaggio, un uomo che possibilmente avesse precise caratteristiche, mi desse una risposta

certo, quel poverino di  mio fratello, spesso è bombardato da me, dai miei perché, dai miei percome, ma per quanto possa sforzarsi di darmi una (?!? tante!!!) risposta, vive una vita troppo diversa da quella dell’uomo che “mi serve”: bimbi piccoli, una storia agli inizi……. altre dinamiche……. altre esperienze…… troppo giovane…….. troppo entusiasmo!!!

quella risposta non è mai arrivata…… o meglio, non è mai arrivata lì: la persona in questione credo non l’abbia mai letta e nessun uomo “utile” è passato di lì, o comunque non ne ha lasciato traccia,  ma io l’ho trovata comunque……

l’ho trovata e, pensa un po’, corrisponde alla risposta che, dopo riflessioni e rimuginamenti, mi ero data io!

e che mi avrebbe dato qualunque altra donna!

e l’ho trovata per caso in un libro!

ma non un libro qualunque, non per me!

l’ultimo lavoro del Prof! quello che sta presentando un po’ in giro ultimamente e che ho deciso di leggere prima di andare ad ascoltarlo per “essere preparata” ;)

non ci credevo quando mi sono trovata quelle parole davanti!

il caso? una coincidenza?

boh! certo, non me l’aspettavo!

però è lì: chiara, semplice, ovvia…… dolorosa, amara, ma ovvia…….

io l’ho chiamata “risveglio”, lì si parla di “riconoscimento”, ma la sostanza è quella: trovarsi improvvisamente immersi in una realtà del tutto diversa da quella che si immaginava di vivere, con tutte le conseguenze che comporta…….

il caso  ha salvato quella persona!

e te lo sto dicendo perché quella persona, indovina un po’, eri tu!

[...]

improvvisamente poi, una sera, ho iniziato a guardare con crescente dubbio il libro e contemporaneamente nella mente sentivo un brano del suo ultimo cd, Ho conosciuto il dolore . R. Vecchioni_ caricato da Izzy Wabi, ed è stato in quel momento che ho capito che no, non era possibile trovare solo dolore, ci doveva essere dell’altro, quindi quasi in preda ad un raptus, l’ho preso ed ho iniziato a leggerlo: circa 5 ore dopo l’ho chiuso appagata……  

e sono arrivata ad una conclusione: mio carissimo Prof, per la prima volta non sono d’accordo con te! non è vero che solo  ”nelle parole greche, dove la fine è il principio, il silenzio l’insieme di ogni voce” ci si può rifugiare per rimettere ordine nel proprio cuore, ma anche nelle tue….. chissà, forse perché conosci le parole greche!

 

Share

MOMENTI: Paladini e Donzelle – Millenovantanove_ R. Vecchioni

20/10/2014
  

Millenovanvanove – R. Vecchioni – caricato da Canale di PerAmoreMio

questo post è VOLUTAMENTE provocatorio!   ;-)   :mrgreen:

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………..uuuuuhhhmmmmm………………………………………………………..

è da un po’ che sto facendo un nuovo “gioco”, quello di chiacchierare con diverse persone su uno stesso argomento per mettere a confronto le diverse posizioni e cercare di trarre delle conclusioni più o meno concrete……

ultimamente mi è capitato di parlare di un argomento scottante: il raporto Lui/Lei e potrei dire di aver finalmente risolto tutti i miei dubbi e potrei decidere, anzi dovrei decidere, di chiudere il blog…….

…..si, perché quando ho aperto il blog, uno dei primi post era un appello agli uomini……. già, perché mi sono resa conto da un bel pezzo che dal confronto fra donne alla fin fine generalmente vien fuori un malessere più o meno condiviso a tappeto che riguarda il dolore per non essere comprese dal proprio uomo, per non “sentirlo” vicino…… ….si, dolore, perché noi donne soffriamo dell’assenza del nostro uomo (ma non di quella fisica, beninteso!) molto più di quanto non si soffra per il dente del giudizio più incastrato e storto!!! ……..

condivisione di uno stato emotivo quasi all’unanimità…….

uhm….. condivisione……..

non ho mai compreso fino in fondo il comune detto “mal comune mezzo gaudio”……. anzi, in effetti mi son sempre chiesta da dove derivasse questo mezzo gaudio….. …..dal mio punto di vista è inesistente e piuttosto sostituibile (se non addirittura “sostituendo”) con “doppio male”…….

insomma, non ci credo che in una situazione del genere l’unione faccia la forza, ovvero non credo che questo genere di “unioni” possa generare non dico una soluzione, ma nemmeno un’idea geniale che possa fungere da preludio alla risoluzione del problema e proprio per questo cerco da sempre di evitare di farmi coinvolgere in discussioni a SESSO unico: se c’è una cosa che proprio non sopporto è il vicendevole darsi man forte sulle disgrazie, il compatimento reciproco, la condivisione di una posizione che mira solo al rafforzamento dell’ostinazione a voler avere ragione, a dimostrare di averla, a pretenderla…..

ma a che serve? io credo che il confronto debba portare ad un allargamento della propria visione, o perlomeno al tentativo di andare oltre le proprie posizioni, accantonarle un attimo, per cercare, se non proprio di comprendere, almeno di capire le ragioni dell’altro/a…….

a meno di non aver bisogno di sbollire rabbia, risentimento, incazzatura, ecc, in un esercizio di puro sfogo piuttosto che di cercare nel punto di vista altrui una prospettiva diversa in cui inquadrare il problema (ma questo implicherebbe la fortuna di incontrare un’altra donna che riesca ad essere imparziale, cosa estremamente rara), ho sentito sempre più forte il bisogno di porre alcune domande direttamente agli uomini, le stesse identiche domande cui mi ero già data risposta e cui mi avevano già risposto  altre donne, confermando la mia posizione, ma sempre sulla base di un comune sentire, vivere, intendere il rapporto di coppia, la “necessità” di aver cura di precisi aspetti della vita a due, dell’impegno profuso nel quotidiano, anzi nella lotta contro la quotidianità ed i problemi pratici che ne derivano…..

…..perché, parliamoci chiaro, finché non si presentano problemi reali, tutto è molto semplice, l’idea della convivenza è confusa e molto poco realistica, sembra di vivere in una favola immaginando cenette a lume di candela e weekend da luna di miele anche a distanza di anni dalla stessa, ma quando poi si inizia a combattere con i tanti aspetti materiali della realtà sembra quasi di compiere un percorso ad ostacoli, ma talmente grandi e gravi da far invidia ad un thriller: conti da pagare, malattie più o meno serie, sbandate devianti, elettrodomestici che si rompono proprio quando servono, figli che non studiano….. e tutto ciò quando va bene!  

permane, per fortuna, una gran voglia di continuare a vivere ed essere sé stessi, ma ci sembra indispensabile, perché questo sia possibile, essere compresi dall’altro/a…..

da questi confronti, confidando nel fatto che, come noi donne abbiamo del mondo una visione più o meno universale, questo principio sia applicabile anche agli uomini, sono arrivata a conclusioni sconcertanti sia sugli uomini che sulle donne che, fatte salve alcune rarissime eccezioni, valgono più o meno per tutto il resto degli individui adulti (?!?) pensanti (?!?)…….

 mi soffermo prima sugli uomini…..

…….quasi tutti gli uomini hanno due facce.

al tempo!

non volendo tacciarli di falsità per principio, forse è meglio parlare di due “modalità”: una riservata al mondo privato, ovvero a chi condivide con loro spazi, tempi, oggetti, ecc,  in casa; l’altra dedicata a tutto ciò che è fuori, ovvero colleghi, amici, conoscenti e, qualche volta, parenti (che ormai, buon per loro, non fanno parte più del “dentro”!!!)….

appurato ciò, il punto è non solo comprendere quale sia la “vera” faccia: quella dentro casa, luogo dove hanno certo il diritto di rilassarsi ed essere sé stessi al 100%,  ma dove si prendono anche quello di mostrarsi burberi, distratti, non disposti al dialogo, irascibili, pretenziosi, egocentrici, attentissimi al centesimo in più che si spende su tutto, tranne che per QUEL libro-giornale-accessorio-ecchissàcchealtro che pare proprio indispensabile alla loro sopravvivenza, oppure quella fuori casa, dove sanno rispettare al massimo tutte le formule di galanteria, gentilezza, attenzioni anche superflue, dando di sé un quadro del tutto diverso da quello che poi rivelano in casa?

qual è la loro vera essenza?

e, soprattutto, PERCHÉ non si mostrano per quello che sono davvero sempre?

è un atteggiamento dovuto all’educazione ricevuta (dobbiamo cioè “ringraziare” le loro mamme?) oppure dipende dall’incapacità di essere quello che sono perché questa fa parte della loro natura?

e ancora, ne sono coscienti o sono davvero così ottusi da riuscire sempre a trovare lo specchio della matrigna di Biancaneve pronto a rimandargli la parte più bella di loro?

no, perché se ne sono coscienti allora sì, allora lo grido a gran voce: sono anche “falsi”!!!

o forse tutto ciò dipende da una forma di supponenza, dall’essere convinti di essere “superiori” e di avere il diritto di imporre la loro “supremazia” sulle compagne?

insomma, ma ci sono o ci fanno?!?

io sono stanca di vivere in un mondo in cui il solo fatto di essere donna sia ancora così “castigante”!

e, avendo la responsabilità di regalare al mondo ben due “esemplari” maschili, sono da sempre impegnata con tutte le mie forze per far comprendere ai miei due figli maschi che nulla gli è “dovuto” per il semplice fatto di essere nati con un accessorio che non è da considerarsi “IN PIÙ”, ma solo DIVERSO da quello che abbiamo noi!

no, perché a dirla tutta, in effetti gli  accessori “IN PIÙ” tuttalpiù li abbiamo noi donne, dal momento che siamo NOI che creiamo, siamo NOI che diamo la vita!!! e diciamolo una buona volta!!! se non fosse così, non ci sentiremmo onnipotenti ad ogni gravidanza!!!

e allora tutta questa supponenza maschile da dove deriva? che sia una forma di invidia? che nascondano sotto questa loro “boriosità innata” la paura di essere “meno” proprio per quellodicuisopra e il bisogno di dimostrare il contrario?

…….bé, se così fosse, ci hanno così tanto riempito la testa con quel benedetto senso di castrazione che ci porteremmo dentro causa mancanza di pene che sarebbe il colmo!!!

pène e péne a parte, vorrei tanto saperlo, se non altro per capire se posso nutrire la speranza di non essere impegnata da QUASI DICIOTTO ANNI (diciannove se si considera il tempo di gestazione) in due investimenti che falliranno miseramente semplicemente perché il terreno su cui ho seminato non era “adatto per natura” (anche se al momento mi sembra di essere sulla strada giusta per  far comprendere i miei perché di donna ai miei due ragazzi) o se non mi conviene andare in prepensionamento  e risparmiare tutte le energie già “programmate” per il mio futuro di madre e decidere di spenderle in attività che si riveleranno nell’esito meno frustranti……

no, perché io, poi, lo so già, qualora dovessi fallire, non riuscirei a mentirmi e non vorrei vivere il resto della mia vita nel rimorso …….odio perdere tempo in imprese che so essere fallimentari a priori!!!

il dubbio ce l’ho, ed è grande, perché ho visto e vissuto molto da vicino cambiamenti…. cambiamenti?!?, macché cambiamenti! STRAVOLGIMENTI di uomini su cui si era scommessa la vita  per trovarsi in mano la quantità d’acqua che si riesce a raccogliere nel vano tentativo di afferrarla mentre scorre dal rubinetto: NULLA, tranne qualche goccia d’acqua capace solo di bagnare la mano! ……. (qualche tempo fa un uomo apparentemente saggio e corretto, ma solo per quel che io so, ma io faccio parte del suo fuori, mi ha detto che l’acqua, quando non riempie, lava o rinfresca…… mi è piaciuta questa risposta, ma, anche sforzandomi, non ricordo sul volto delle donne coinvolte in simili esperienze l’espressione di freschezza e di pulito che avrei dovuto cogliere…..)…….

e veniamo ora alle donne…….

le donne, praticamente tutti i “tipi”, quelle più simili a me come quelle distanti anni luce da me (anche qui, con le dovute esclusioni delle eccezioni), a prescindere dagli esordi del loro rapporto di coppia, a prescindere dalle prospettive dello stesso (ma che cosa stupida le prospettive!!! per non parlare delle aspettative!!!) alla fine si trovano a confrontarsi con questa assenza: lui è distratto, non gentile, scansa i compiti più impegnativi e noiosi, non è presente con i figli….. il solito, insomma, manco si trattasse di un’ordinazione al bar!!!

scatta quindi questo senso di solitudine interiore, dovuta alla necessità inappagata di condividere con lui la quotidianità, e il più delle volte lei finisce col trovare un amico (amico, NON amante, sia chiaro!) che le sarà di conforto, che le sarà di sostegno, che sarà disposto a sopperire alle assenze e alle mancanze del suo lui……

che bello! generalmente tutte  bene o male riusciamo a trovare un amico pronto a soccorrerci quando sentiamo la mancanza del nostro lui…..

si, perché, diciamoci la verità, per quanto ti possa essere vicina un’amica, la più cara e valida delle amiche, il sostegno di un uomo ha tutto un altro “sapore” fosse lì anche solo ad ascoltarti senza nemmeno pronunciare un verso…..

chissà, dev’essere il fatto in sé di “sentire” la presenza maschile……..

bello…….

si, bello……

peccato, però, che il più delle volte tutto ciò avverrà mentre un’altra lei, la lei del lui amico nostro, starà soffrendo delle assenze e delle mancanze… di lui!!! si, al 99% succederà, perché ho il sospetto che il patrimonio genetico della “capacitàdidareattenzioniesostegno” degli uomini sia nettamente più basso di quello delle donne, proprio come il loro tetto massimo di parole da spendere quotidianamente…… 

ahahahahaha, ma stiamo scherzando?!?!? 

allora,  io mi chiedo: ma le donne si rendono conto che gli uomini/amici che le confortano per lo sconforto causato dal marito/compagno dal canto loro sono causa dello sconforto  di un’altra donna?!?

e se decidono di credere comunque in quello che il lui/amico mostra di essere, sono coscienti della stortura che concorrono a creare?!? e sono coscienti delle balle che le vengono dette dall’amico di turno? si ho detto balle, perché se qualcuno quando parla dice cose che poi non fa o non è, allora sono balle! balle enormi!!!

o sono talmente fuse da non rendersene conto?!?

e gli uomini/amici che soccorrono le donne amiche e sono pronti ad offrir loro tutto l’appoggio mentale e fisico di cui necessitano, sono coscienti, mentre nel loro “portacervello” formulano probabilmente pensieri di  solidarietà maschile (non ce la faccio proprio a immaginare che possano non essere solidali tra loro!) che si alternano a flash in cui, con vesti ed armi che susciterebbero l’invidia di Orlando, di Roland, di Gaston e di Astolfo, si prodigano in imprese salvadonzelladiturno, di essere loro stessi la causa dello sconforto delle proprie “compagne” (o “scompagne”?!?)?

(a questo proposito ho letto da qualche parte che questa propensione a fare da salvadonzelladiturno è tipica dell’adolescenza, ma via via va mitigandosi, il che, considerata la quantità di uomini in età adulta che la conservano intatta, mi fa pensare ad una forma epidemica di resistenza alla crescita)…….

e gli uomini, sono coscienti, non foss’altro che per questo, di offrire loro stessi ad un “compagno di sventura” (si, sventura, perché mentre immaginavo il momento in cui sono impegnati ad ascoltare il motivo per cui prestare la loro opera di salvataggio mi è apparso Homer Simpson la cui mente vaga ovunque mentre gli si parla, ma proprio non riesce a concentrarsi sull’oggetto del discorso e pensa fra sé e sé  ”OHHHHH….. ma perché lo sta chiedendo proprio a me?!?”) ……ehm…. mi sono persa :D ….. dicevo, sono coscienti di offrire loro stessi ad un “compagno di sventura” la possibilità, insomma, di sfoderare la più affilata e lucente delle armi bianche?!? ……..uhm……..

ma insomma, mie care donzelle, vogliamo svegliarci?

ed uso il noi di proposito!

perché mi ci metto nel mucchio di quelle che non riescono a focalizzare che alla fin fine forse il problema è che siamo noi in errore, o meglio, e l’ho capito solo ora, e dal mio punto di vista ci ho messo fin troppo a comprenderlo, che questa “presenza maschile”, apparentemente indispensabile per il nostro benessere psicofisico,  di fatto è sovrastimata e, quando c’è, fittizia!

ci prendiamo in giro, insomma, signore!

………uhm……… ……… uhm……………. ……….uhm……….. uhm………….. 

……ma si, la dico! e la dico con convinzione: purtroppo c’è un problema di fondo, un “dettaglio” non trascurabile (e questo è spudoratamente fisico! ;) ) che rende impossibile la concretizzazione di quanto sto per dire, ma credo davvero sarebbe la soluzione di tutte le nostre frustrazioni di donne: un mondo di sole donne! quanto sarebbe appagante!!!

non dico che finirebbero tutti i problemi, eh, anche tra noi non scarseggia la tendenza all’indifferenza, all’egocentrismo, all’invidia……

certo, mica finirebbe tutto ciò!

ma c’è una cosa cui sono convinta non rinuncerebbe nessuna donna: discutere, avere il coraggio di guardare l’altra in faccia e dirle quel che si pensa…..

possiamo dirlo in modo allusivo, possiamo prenderci a capelli, ma che importa? l’importante è che non rimaniamo per l’eternità nell’attesa che il primo passo lo compia l’altra…… non ci lasciamo scivolare la vita tra le mani senza accorgercene confidando nel fatto che tanto siamo indispensabili……

siamo giuste, siamo sbagliate….. siamo quel che siamo, ma soprattutto siamo!

ed abbiamo il coraggio di osare……

ed è la promessa che ho chiesto a mio figlio di farmi: quella di ricordarsi di avere le palle anche nei momenti in cui vorrebbe scappare, anche nelle situazioni che vorrebbe glissare, e di dimostrare davvero di essere sempre non un uomo, ma un Uomo……. e a prescindere dal letto!

lui me l’ha promesso……. io starò lì a ricordarglielo se dovessi accorgermi che verrà meno un giorno……. bah….. intanto io continuo nel mio impegno….. lo devo soprattutto a loro, ai miei due figli maschi, visto che una donna mi ha detto che per sua esperienza personale non sono tutti uguali, suo figlio non è così……

mi domando se non sarebbe molto più facile per tutti vivere in un mondo senza legami……. o, forse meglio, in due mondi separati, dai quali ogni tanto uscire per incontrarsi quando si sente davvero il bisogno di DONARSI all’altro/a…….. non di PRENDERE dall’altro……

uhm….. e i figli?

forse per riequilibrare le cose i figli maschi dovrebbero essere educati dalle madri e le figlie femmine dai padri, ma assolutamente non in modo “tradizionale”, piuttosto facendogli vedere e soprattutto VIVERE il mondo secondo il proprio modo, così, giusto per dar loro la possibilità di imparare ad accogliere e a comprendere l’altro/a…..

chissà, forse, tempo una/due generazioni, si potrebbe arrivare ad unificarli davvero sti due mondi o almeno a farli coesistere in modo più sereno e meno sconcertante…….

ri-bah…… 

ma dopo tutto, tutte ‘ste chiacchiere, a che servono? ……

uhm……  

“a conclusione” , a nulla……. :/

p.s. basandomi sull’affermazione fatta all’inizio, quella in cui affermo di aver “risolto” i “dubbi-base”, in effetti potrei anche decidere di chiudere qui il blog, considerato che uno dei miei obiettivi primari era appunto quello di scioglierli…… però……. però, “‘a verità”, i pensieri continuano ad affollare indisturbati la mia mente, io continuo a riflettere (anche se qui appaio un tantino “latitante”) e di fatto di dubbi potrebbero nascerne altri, anzi, ne sono più che certa…… ERGO…… il blog non lo chiudo!!! :D

Share

MOMENTI – Io non appartengo più _ R. Vecchioni

22/06/2014
  

……posso dire che i miei pensieri vanno a “momenti”……

……ovvero che ci sono periodi (appunto, momenti) più o meno lunghi in cui vengo letteralmente colta da un senso profondo di sconforto rispetto a quel che vedo in giro che mi crea un forte disagio…….

……a volte piano piano, altre volte in modo prorompente, tutto ciò si trasforma improvvisamente in nausea…….

questa nausea credo sia dovuta al confronto spontaneo che faccio tra ciò che sono i principi etici, comportamentali, ecc, che mi hanno insegnato e che ho fatto miei e quelli applicati dal resto del mondo: quando cozzano troppo, o meglio quando vengono sposati da un’eccessiva quantità di “altri”, e diventano automaticamente schemi comportamentali sociali comuni, accettati come fossero naturali, logici, e soprattutto corretti, comincio a sentirmi a disagio, come se non appartenessi più a questa società, perché tutto ciò mi è estraneo…….

Io non appartengo più_ R. Vecchioni – caricato da ucmilla

 

e allora non c’è altro da fare che trovare il modo di disfarmene, in qualche modo DEVO mandarla via questa nausea, perché genera una forma di sarcasmo incontrollato che ha su di me effetti davvero fastidiosi: perdere la mia naturale serenità d’animo che, prescindendo dalle situazioni specifiche della mia quotidianità, mi permette di affrontare con ottimismo anche gli episodi e gli scogli più gravi,dolorosi e complessi è davvero insopportabile, ergo la cosa va risolta…..

come? …..

…….uhm……

……durante la mia prima gravidanza frequentavo un corso pre-parto……

ricordo che una volta ad una mia “compagna di classe” uscì l’herpes labiale in una forma davvero forte e lei arrivò disperata perché, non avendo assunto il suo farmaco abituale per ovvi motivi, soffriva da cani e non vedeva l’ora di risolvere.

la persona che si prendeva cura di noi future mamme le disse che non c’era forma migliore e più efficace, in situazioni del genere, che far quello che già stava facendo, ovvero lasciar sfogare l’eruzione ed aspettare che andasse via, certo soffrendo un po’, ma con sicuri effetti di risoluzione se non altro più duratura…..

…..la cosa ci lasciò perplesse: noi tutte eravamo abituate a ricorrere ai rimedi farmacologici nel più breve tempo possibile al primo accenno, ma lei ci fece notare che l’herpes, considerato come sfogo di un malessere, se costretto a “rientrare” non faceva che rintanarsi, annidarsi ed aspettare il momento giusto per riesplodere, mentre dandogli modo di sfogare sarebbe andato via da solo dal nostro corpo, non si sarebbe sentito “incatenato a noi”, non avrebbe dato fastidio che per il tempo di risoluzione…… il veleno ci avrebbe abbandonate……

……..rapportando questo concetto alle emozioni, da quel giorno ho imparato ad accoglierle tutte, a non soffocarle più, soprattutto quelle negative, per dare la possibilità alla mia anima di non vivere in un ambiente sporco e buio e, piuttosto, lasciarle la possibilità di svolazzare felice per ogni angolino del suo habitat…..

e allora, se e quando mi vengono i pensieri negativi, non vedo altro sfogo che lasciarli uscire, esprimerli, e salutarne le conseguenze nel momento stesso in cui li focalizzo……

Share

Amico e amico – Fammi vedere tu – Roberto Vecchioni

27/05/2014
  

Fammi vedere tu – Roberto Vecchioni – Caricato da Londra65·


“…c’è un filo di dolore
che mi hai lasciato qui
però non mi fa troppo male
un dolore così
cammina con i passi lievi
di un bruco sopra il cuore…”


è difficile, dopo essere stati traditi da un Amico, credere ancora, credere di nuovo……

……è difficile perché non riesci ad accettare che chi ti ha tradito  è la stessa persona che ti stava affianco, proprio quella con cui hai  riso e hai pianto…….

…….quella cui hai aperto il cuore…..

……quella che sa di te più cose di quante non ne sappia tu stesso perché gli hai permesso di abitarti dentro…..

…..è dura da accettare…… BRUCIA!…….

……..e poiché brucia tanto, ma proprio tanto, è possibile cominciare a vedere da quel momento TUTTI gli amici sotto un’altra luce: se lui, proprio lui, è stato capace di questo, cosa possono fare gli altri?……

…… come continuare a credere negli altri?…..

…….e  certe volte può esser talmente dura da accettare, può fare talmente tanto male che  per non soffrire ancora si può decidere di non avere più Amici piuttosto che pensare di averne e scoprirli invece nemici, o, forse peggio, indifferenti……

……non più Amici, ma solo amici…….

………perché c’è una gran differenza tra Amico e amico…..

…..perché ogni volta all’Amico lasci un pezzo di te e acquisisci un pezzo di lui, una sorta di scambio spontaneo, come quello che avviene tra due liquidi che vengono a contatto: l’uno si fonde indissolubilmente e spontaneamente con l’altro, ed entrambi diventano “altro” pur continuando a mantenere le proprie caratteristiche….

…..all’amico, invece, non lasci un bel niente, se non l’eco lontana di una risata o il vago ricordo di un panino e una birra…..

…..nulla, in pratica, che in qualche modo sia “tuo”, anzi, “di te”………

…..quando si crede in qualcuno, inevitabilmente ci si lega, ci si lega con un filo invisibile e che crediamo resistente a qualunque strappo…….

se ci rendiamo conto che quel filo improvvisamente è libero dall’altro capo, l’unica cosa che cogliamo è che chi vi era legato improvvisamente ha deciso di andar via……

……..e ci sentiamo traditi, abbandonati, non vediamo altro……  perché siamo soli…..

………e forse ci sentiamo anche un po’ sciocchi, ciechi: chi può dire se quel nodo era stato realmente stretto o no! quell’estremità è stata sciolta, senza che lo volessimo, malgrado non volessimo:  il nostro amico, semmai senza nemmeno il garbo di dircelo,  è semplicemente andato via, volatilizzato, sparito, così, improvvisamente, in un puff, e come una bolla di sapone che svanisce lui non fa più parte della nostra vita…..

…..e certe volte ci fa talmente male che gli permettiamo di portare con sé non solo la sua amicizia, ma l’Amicizia tutta e per non sentire di nuovo quel dolore, allora decidiamo di farlo noi il passo indietro, ma di farne uno solo una volta per tutte, e di frapporre uno scudo fra noi e il resto del mondo…….

……. uno scudo e niente più dolore…….

…….niente più dolore, certo, ma quanto vuoto intorno…….

Share

SOS: CERCASI AMICO/A disposto a raccontarmi di me………. Momentaneamente lontano – R. Vecchioni

08/05/2014
  

Momentaneamente lontano – Roberto Vecchioni – caricato da Pierpaolo Bongiorno

 

…….eccomi…..

……..stasera ho deciso di ricominciare a scrivere……

……in verità non ho mai smesso, ma non c’è sempre la voglia di condividere i propri pensieri, soprattutto quando sono confusi…….

……oddio, non è che adesso la situazione sia cambiata più di tanto, però qualcosina si, qualcosina è cambiata……. ho “bisogno” di qualcuno……. di qualcuno che sia lì a ricordarmi com’ero prima……..

….non è chiaro, vero? capisco, non lo è nemmeno per me……..

o forse si, non lo so……. cerco di spiegarmi……

ieri ho deciso improvvisamente di cambiare la mia immagine di profilo sul diario di Fb…… perché? perché non mi sopporto….. o meglio non sopporto più vedermi come sono in quella foto, per non parlare di come sono ora…….

1385870_10201733551653342_977836253_n

 

…..non mi riferisco all’aspetto fisico, quello è per me praticamente uno sconosciuto, anzi non è nemmeno vero, perché ormai ci convivo da almeno un paio d’anni, quindi sconosciuto proprio non è….. disconosciuto, ecco, è questa la parola giusta…….

si, disconosciuto, perché non sono io quella che adesso si muove nella mia casa, che rovista fra le mie cose, che (non) veste i miei abiti (tanto non le entrano!) ma si ostina a  cercare nel mio armadio e rifiuto anche la sola idea di acquistare qualcosa di nuovo proprio per lei: NO! non posso concederglielo perché se lo facessi le darei in qualche modo il benvenuto e invece deve andarsene, e farlo quanto prima, anche se questo prevede una costanza ed un impegno da parte mia non indifferenti, e che si arrangi con i vestiti…….

no, aspetto a parte, c’è ben altro che mi irrita di quella foto: l’espressione! non sono io!!

per motivi strettamente personali che non mi va di raccontare un giorno ho deciso che era giunto il momento di “mettermi al riparo”…….

non l’ho fatto in coscienza, eh, non sono così folle……… però ho lasciato in tutta coscienza che succedesse e che non fermassi quel progetto, quel piano autoprotettivo che portava all’autodistruzione……..

autodistruzione del piacere di osservarmi…….

evvabbé, era messo in conto, ma quel che brucia in questo momento, a parte le calorie sulla cyclette, è il non riconoscere i miei occhi, il mio sorriso, la mia espressione……

chi è quella sconosciuta con quella piega del labbro in giù che vorrebbe essere l’abbozzo di un sorriso?

una foto scattata in un contesto decisamente piacevole: la presentazione di un CD di Roberto Vecchioni: io, seduta in terza fila, praticamente Vecchioni ce l’avevo davanti, che non sprizzo gioia da tutti i pori, che non lancio faville dagli occhi!!!

no!!!

non sono io!!!

era un bel po’ che guardavo con curiosità e fastidio quella foto senza comprendere cosa non andasse, senza riuscire a focalizzare il problema…….

e allora ho cominciato a fare un “gioco”, a guardarmi negli occhi improvvisamente ogni volta che lavavo le mani, e lo specchio mi rimandava sempre la stessa immagine: una donna dai lineamenti noti ma che non riconoscevo, con gli occhi spenti, senza sorriso…….

quindi ho iniziato a chiedermi cosa potesse essere successo, ad analizzare quel che faccio durante la giornata e mi sono resa conto del fatto che è davvero un brutto momento: non faccio praticamente niente di interessante perché mi annoio di tutto! mi annoio di pensare, mi annoio di scrivere, mi annoio di sentire la musica, mi annoio di camminare……..

mi annoio di annoiarmi……..

e allora ho capito: la sconosciuta si era impossessata anche della mia anima!!!

ENNÒ!!! QUESTO non lo posso permettere!!!

impossessarsi del corpo è una cosa, ma dell’anima no, quella è SOLO MIA!!!!

ho provato e riprovato con le più svariate attività, ma ho un “problemino”: non mi ricordo più di me!!!

e questo è grave, va risolto…….

uhm……si, ma come?

uhm……….

ri-uhm…….

stra-uhm…………..

pensa e ripensa, ho trovato la soluzione!!!

ho bisogno urgente che qualcuno mi ricordi come sono!

ho bisogno che qualcuno  mi racconti di me, che mi dica perché mi ha trovata interessante al punto da chiedermi, sconosciuta, di fare amicizia su FB e legarsi a me……

qualcuno che mi aiuti a recuperare quel qualcosa che si è nascosto dentro me e che non vuol più venir  fuori perché io possa di nuovo trovarmi talmente interessante da chiedermi l’amicizia, ma nella vita!!!

perché adesso, in questo momento, proprio non sono amica mia!!!

perché adesso credo di essere lontana, ma non voglio esserlo per sempre, voglio immaginare di essere solo “momentaneamente lontana” (cit. Vecchioni)

ed ecco perché ho scelto proprio questa foto:  sono quelli gli occhi che riconosco, è quello il sorriso nascosto, è quella l’espressione che riconosco come mia……

……sono questa io!!!

409132_4531834986749_824151738_n

 

 

e allora si, lo confesso, questo post è una richiesta di SOS: c’è qualcuno disposto a raccontarmi di me?!? dei miei difetti? di quello che so fare? di quello che AMO fare? c’è qualcuno disposto ad aiutarmi a…… tornare?!?

Share

LEI….LUI….. SCAPPARE, PERDERSI, FUGGIRE…….. Non lasciarmi andare via – R. Vecchioni

03/02/2014
  

PREAMBOLO:

……Lei……

…..Lei è una donna, una donna che non ha età, non è bellissima e non è bruttissima, non è alta e non è bassa, non è magra e non è grassa, non è dolce e non è aspra, non è spudorata e non è pudica, non è arcigna e non è affabile, non è sposata e non è nubile……

………Lei è una donna che “non è”, semplicemente perché può essere me o non me, quello che avrei voluto essere o quello che non ho mai voluto essere, o quello che avevo immaginato di essere prima di conoscermi…… un’amica reale o un’amica immaginata….

………Lei è semplicemente Lei…… con tutto ciò che implica essere Lei…….

…….Lui…….

….. Lui è un uomo, un uomo che non ha età, non è alto e non è basso, non è magro e non è grasso, non è aitante e non è gracile, non è violento e non è dolce, non è insolente e non è discreto, non è galante e non è villano, non è intrigante e non è insulso, non è sposato e non è celibe……

…..Lui è un uomo che “non è”, semplicemente perché può essere il “mio Lui” o il “non mio Lui”, un amico reale o un amico immaginato, quello che avevo immaginato che fosse, quello che non avrei mai voluto incontrare o quello che avrei voluto incontrare……

……Lui è semplicemente Lui…… con tutto ciò che implica essere Lui…..

…..Lei e Lui sono semplicemente emozioni che affiorano, emozioni immaginate o vissute, desiderate o rinnegate…..

…….semplicemente emozioni………

Non lasciarmi andare via – R. Vecchioni – caricato da universalmusicitalia

… … … … … … … … … … … … … … … … … … … … … … … … … … … … … …

LEI: “ma se io dovessi un giorno scappare, mi rincorreresti? verresti a cercarmi? verresti a riprendermi?”…….LUI:  ”certo che verrei a riprenderti, anzi, non ti farei proprio scappare, ti fermerei prima!”…….

e venne il giorno in cui LEI scappò, ma non con le gambe…..

…….già, non con le gambe, perché sono tanti i modi di scappare! ….

….e LEI ne percorse tanti….

per prima cosa scappò con le parole, quelle parole che tanto lo irritavano, ma mentre scappava aspettava, SPERAVA,  che LUI se ne accorgesse e che l’andasse a riprendere….

……ma LUI, che poco sopportava le parole, forse perché si sentì meno oppresso, non si affacciò nemmeno per vedere dove LEI fosse, se ci fosse ancora, e a tratti, ogni volta che LEI si voltava non vista a guardarlo, sembrava addirittura risollevato ……

…..e LEI, addolorata, ma di certo non sorpresa, non si fermò, e scappò con le braccia…..

ma mentre non lo stringeva più sul suo cuore si voltava sperando di vederlo apparire, pur sapendo che l’attesa era vana…..e infatti LUI non arrivò…..

e LEI non si fermò, continuò ad andare…..

……a volte, non vista, tornava indietro per accarezzargli il viso, sfiorargli le labbra con un bacio, disegnare il profilo del suo volto con un dito mentre dormiva, sperando di farsi sognare, e LUI mai si scostava……d’altro canto Lui pensava, credeva, era convinto, che LEI stesse sempre lì….. che motivo c’era di andarla a cercare?…..

…..e ogni volta che riprendeva la sua strada LEI non sentiva, non avvertiva i suoi passi alle sue spalle…..

……allora pensò che forse doveva un po’ rallentare , trovò una panchina, prese un foglio ed una penna ed iniziò a scrivere, ed ogni volta che completava un foglio lo piegava con amore, si alzava dalla panchina cercava il masso o la roccia più bella e più evidente e vi riponeva sotto il foglio, ma non lo celava, perché LUI potesse trovarlo e leggervi tutto il suo amore…… poi cercava un’altra panchina e ricominciava a scrivere per poi cercare un’altra roccia, un altro masso….. e così andò avanti per giorni e giorni e mesi e mesi…..

……quasi un anno era passato dal primo foglio…… dal primo masso…..

…..LEI si era accorta che man mano che passavano i giorni, i mesi, i suoi passi erano sempre più pesanti, ma non erano le sue gambe a dolere, piuttosto era come se avesse qualcosa dentro che la faceva rallentare, ma non per aspettare LUI…..  di LUI non avvertiva proprio più la presenza…. eppure LEI era anche tornata più e più volte indietro per capire dove si fosse fermato…..

…. un giorno lo vide trastullarsi con sillabe volanti che non erano sue, che aveva trovato lungo la strada….  

…. e proprio in quel momento aveva capito cos’era che la tratteneva, che la faceva rallentare, che bloccava i suoi passi: era il suo cuore diventato pesante!

scoprì infatti che nel suo cuore si era conficcata una scheggia di terra ogni volta che si era fermata ad alzare le rocce e i massi per “nascondere” i suoi fogli….. se e quando LUI li avesse raccolti le schegge sarebbero cadute dal suo cuore, perché i loro occhi si sarebbero intrecciati anche senza guardarsi e avrebbero dato vita a quella luce saettante che solo due cuori uniti possono creare e che non conosce ostacoli…….

ma LUI non si era fermato a raccogliere nulla, anzi non aveva proprio mai cercato, forse si era distratto, e chissà se un giorno si sarebbe accorto della sua assenza…..

e il suo cuore si era appesantito al punto da renderle difficile, quasi impossibile camminare……

……allora LEI smise di scrivere fogli, di fermare fogli, per non farsi più fermare, per poter continuare ad andare, per trovare un modo diverso per liberarsi di tutte quelle schegge che avevano generato un macigno dentro il suo cuore…….

……”ma se io dovessi un giorno scappare mi verresti a cercare?” ripeteva il suo cuore fra un sorriso amaro ed una lacrima salata mentre LEI continuava a camminare cercando le parole per chiedere a LUI “ma ti sei accorto che sono scappata?”……… 

Share

Sul Prof…..

26/11/2013
  

Ho conosciuto il dolore_R. Vecchioni_ caricato da Maurizio D’Antonio

 

sono stata alla presentazione dell’ultimo CD di Roberto Vecchioni, “Io non appartengo più”, alla Feltrinelli di Piazza dei Martiri a Napoli….

inutile dire del piacere di ascoltare le parole del Prof, l’emozione di vederlo concentrato mentre ascoltava il suo splendido brano (ho conosciuto il dolore), momento che mi affascina sempre, è come se ogni volta stesse lì a controllare che tutto fila, che è tutto a posto, almeno a me è questa la sensazione che arriva….

tanta gente, tantissimi ragazzi (uno degli interventi di un ragazzo è stato così acuto e profondo che l’amica che mi ha accompagnata e che sedeva vicino a lui è stata talmente sorpresa da dirgli sottovoce “ti posso adottare?” ahahahaha), scatti, volti ormai familiari, il piacere di conoscere e salutare “dal vivo” Olga Romani :-)  , una passeggiata a Napoli in compagnia di una carissima amica e la “soddisfazione” ;-) di sentirle dire: “mi è piaciuto, è stato interessante…” (cosa che io sapevo sarebbe successa, ma lei non immaginava), il piacevolissimo incontro con un amico napoletano che non vedevo da un bel pezzo :-) ….. 

una considerazione: c’è stato un uomo che ha fatto un intervento insolito: ha esordito dicendo “io non farò nessuna domanda”, il che ha destato una certa ilarità, ma poi ha spiegato il perché:

cosa chiedi ad una persona che ascolti di continuo e che, senza che glielo si chieda, ti dice tutto quello che vuoi sapere attraverso i suoi versi?

ed io condivido la sua posizione: cosa chiedi?

perché ha scritto così e non colì?

quale episodio ha risvegliato in lui quel preciso brano?

a chi pensava mentre…?……

uhm…..

e che importanza può avere?

questo è quello che ho sempre pensato anch’io:

vado lì, lo conosco, gli stringo la mano, mi faccio autografare il cd (o il libro) e…..

e che cosa?

cosa posso dirgli o chiedergli di così profondo in quella manciata di secondi da poter oltrepassare tutto ciò che evoca in me leggere i suoi testi o ascoltare la sua potenza espressiva, quella che evoca le emozioni più disparate facendole schizzare dal cuore e saltellare per tutta la pelle?

nulla!!!

non c’è nulla che io possa chiedere o dire, c’è solo il fascino di ascoltarlo mentre parla e si dona permettendo di riprendere il filo di quel contatto immaginario che si stabilisce ogni volta che lo si ascolta e solo apparentemente si interrompe alla conclusione di ogni incontro, che sia dal vivo, che sia via internet, che sia attraverso un cd, perché ti lascia dentro mal che vada la voglia di andare a cercare informazioni su quel preciso personaggio, su quel preciso quadro e ti fa allargare gli orizzonti, o, come è successo a me, ti dà la forza di scavare in te alla ricerca di quelle risorse che spesso abbiamo seppellito e che ci servono per affrontare la vita in tutte le sue manifestazioni…..

e allora taccio….

davanti a lui io taccio e apprendo…..

e grazie, Prof!

Share